Sabato 2 giugno a Spazio Scenico parleremo di ANTICHE MURA TEATRO FESTIVAL che torna per la quinta edizione, e anche quest’anno avremo il piacere di essere ospiti del Festival come Radio Ufficiale, e avremo la gioia di intervistare gli artisti in scena. Quattro serate al Campo della Marta a Cittadella (PD), i quattro martedi di giugno (5-12-19-26) a ingresso libero e che vedrà in scena martedi 5 giugno l’Attrice Elena Arvigo con : Donna non Rieducabile, il 12 giugno Giacomo Rossetto: Borsellino, il 19 giugno Marco Cortesi e Mara Moschini con :Il muro- die mauer, e chiuderaano il 26 giugno i fratelli Dalla Via: Drammatica Elementare.

Per l’occasione sentiremo al Telefono l’attrice e organizzatrice del Festival ANNA TRINGALI, con cui parleremo di questa quinta edizione .

Nella seconda parte della puntata vi faremo sentire un’ intervista registrata con GIUSEPPE EMILIANI, regista e direttore artistico del Teatro Busan di Mogliano Veneto ,e che è stato di recente nostro ospite in studio.

Con il nostro ospite abbiamo parlato dei prossimi appuntamenti del Teatro Busan, che chiusa la stagione invernale torna con LA RASSEGNA TEATRO ALL’APERTO 2018 che si svolgerà alla piazzetta Teatro. In scena 11 giugno Dario Vergassola con :Sparla con me, 18 giugno Ascanio Celestini: Ballate dei senza tetto, 26 giugno Massimo Carlotto: Gira il mondo gira, 2 luglio Mario Tozzi e Giobbe Covatta: l’evoluzione arranca , 30 luglio David Riondino : Triglie, principesse, tronisti e alpini

VI ASPETTIAMO ALL’ASCOLTO E SOSTENETECI!!!

SAMSUNG CAMERA PICTURESSabato 12 maggio a Spazio Scenico vi faremo sentire un ‘intervista che abbiamo realizzato qualche giorno fa con due giovani e bravissimi artisti: ANDREA TICH e MICHELA GATTO, fondatori dell’ associazione culturale ARCHITEATRO (https://architeatro.webnode.it/ ).

Andrea Tich, una persona oltretutto cara a noi di Spazio Scenico , è un bravissimo attore formatosi all’ Accademia D’arte drammatica di Trieste,integrando poi la sua formazione con laboratori alla Nico Pepe di Udine epoi a Fiume econ la regista Karina Holla.. Oltre ad essere attore Andrea è un illustratore professionista attivo in Italia e all’estero, laureato nel 2009 allo IUAV di Venezia. Ha tenuto diverse mostre anche in Veneto, e nel suo profilo potrete ammirare alcuni dei suoi lavori. Tiene il suo primo laboratorio teatrale nelle scuole in Friuli Venezia Giulia a partire dal 2011, per poi continuare l’attività nel genovese, includendo anche i laboratori per adulti. Attualmente ne sta conducendo uno a Bassano del Grappa che probabilmente ripartirà dopo l’estate.

Michela Gatto si forma professionalmente come attrice tra Genova e Torino tra il 2015 e il 2018.La sua formazione sta continuando presso la scuola di Yuri Ferrini.  E’ Scenografa e costumista professionista, laureata nel 2016 all’Accademia Ligustica di Belle Arti di Genova.

Dal 2016 tiene dei laboratori teatrali per bambini, ragazzi e adulti, lavorando presso Architeatro e nelle scuole. Insieme ad Andrea Tich ha lavorato agli spettacoli : Rompiballe, La cena dei cretini, Niente sesso siamo inglesi, Rumori di scena per la regia di Massimo Chiesa.

Il loro primo lavoro scritto e diretto insieme si intitola: Pontos (il mare di nessuno) che andrà in scena a Bassano 8 e 9 giugno alla festa delle culture

VI ASPETTIAMO ALL’ASCOLTO!!

Sabato 5 maggio ospite l’attrice Giulia Briata

Posted: 5th luglio 2018 by g_fardin in Senza categoria

SabGiulia foto 2ato 20 maggio avremo il piacere di ospitare GIULIA BRIATA, giovane attrice padovana
Una vita poliedrica. Attrice, di recente laureata in lingua russo e inglese all’Istituto per traduttori e interpreti di Padova, vive la città tra lo studio universitario, il lavoro nel negozio di saponi nel centro della città e quello di “insegnante” di propedeutica teatrale per i ragazzi delle superiori di Vigonza (PD). Alla domanda “cosa vuoi fare da grande” la risposta era un bel foglio colorato con un palcoscenico.
Diplomata nel 2010 alla Scuola del Teatro Stabile del Veneto, fonda e lavora con la compagnia padovana AMOR VACUIcon cui porta in scena (2010), VITE PARALLELE(2011), STUDI SULLA CITTA’ DI K (2011) diretti da Lorenzo Maragoni. La sua formazione è sempre in aggiornamento tra seminari e workshop. Tra i suoi maestri: Alberto Terrani, Theodoros Terzopoulos , Levan Tsuladze, Luca Ronconi e Annamaria Guarnieri. Studia movimento scenico con Gabriela Carrizo (Peeping Tom), Michela Lucenti, Laura Pulin e Marco Angelilli, drammaturgia con Umberto Contarello. A un anno dal diploma si trasferisce per un breve periodo in Toscana dove lavora con il Teatro Stabile di Grosseto per produzioni dedicate al teatro ragazzi e dirette da Alessandro Gatto. Approfondisce l’uso della voce a Roma con gli insegnanti di doppiaggio Fabrizio Temperini, Mimmo Strati e Massimo Corizza. Ritorna poi in Veneto per interpretare il ruolo di Candida, la giovane innamorata de IL VENTAGLIO diretto da Damiano Michieletto, spettacolo coprodotto dal Teatro Stabile del Veneto e destinato a una tournée nazionale di due anni. Nel 2012 lavora con Andrea De Rosa nel cantiere ERT sul Simposio di Platone, debuttando in WHAT IS LOVE?, ripreso nei successivi due anni. Debutta con una nuova produzione del TSV “MASSACRITICA, scritto e diretto da Giorgio Sangati. Si dedica poi ad altri progetti: film (SI MUORE TUTTI DEMOCRISTIANI de Il Terzo Segreto di Satira, che uscirà nelle sale il 10 maggio, e che vede la partecipazione di un numeroso cast di attori. Una produzione IBC MOVIE con RAI CINEMA ,a BIRTHDAY PRESENT di Salvatore Castellana), videoclip (TIMIDAMENTE, IO, io del comico Ruggero De I Timidi), cortometraggi (SOLILOQUIO di Morena Sarzo, Juliet di Luca Solina), docufilm (IO CANOVA,prodotto da Cinema Key) e serie tv ( DONNA LEON di Sigi Rothemund, prodotto e distribuito da ARD in Germania). E’ il volto femminile dello spot vincitore del primo premio nel contest Abarth per la Fiat 500 (Spirito Abarth di Raffaele Pizzatti Sertorelli). Speaker per un corso eLearning di inglese, voce inglese nel video Windcity di Tommaso Morbiato, doppiatrice nel documentario LIMBO di Matteo Calore e Gustav Hofer. 
Già interprete del ruolo di Desdemona nello spettacolo WOMEN IN LOVE scritto e diretto da Giuseppe Emiliani ( prodotto dal TSV nel 2015), debutta l’anno scorso con lo stesso ruolo nell’OTELLO di Marco Alberghini, a fianco di Mamadou Dioume.
Alla domanda “hai ancora quel foglio colorato con un palcoscenico?” , sorride.

SABATO 21 APRILE PUNTATA FESTA DELLA LIBERAZIONE

Posted: 18th aprile 2018 by g_fardin in Senza categoria

foto 25 aprileSabato 21 aprile puntata di Spazio Scenico dedicata alla festa della Liberazione , ricordandone il 73esimo anniversario , e i tanti giovani , uomini e donne, che capirono che era necessario rimboccarsi le maniche per cambiare le sorti di un paese in mano al nazifascismo. Come scrisse Lidia Menapace: <<La Resistenza non fu un fenomeno militare, come erroneamente si crede. Fu un movimento politico, democratico e civile straordinario. Una presa di coscienza politica che riguardò anche le donne:>> 

Oggi piu’ che mai è necessario ricordare, per Resistere alle violenze, all’odio che sta tornando pericolosamente in Italia e in Europa.

Lo faremo grazie a tre bravissime artiste e tre straordinarie persone che ringrazio di cuore per il loro prezioso contributo alla puntata.

Avremo il piacere di ascoltare una lettura di MARGHERITA MANNINO tratta da : il partigiano johnny di Fenoglio. Attrice padovana di cinema e Teatro conosciuta a livello nazionale. Di recente è stata ospite di Marzullo, dove ha presentato il film LOVERS, di cui è protagonista . Un film che ho avuto piacere di vedere e che consiglio, con 4 bravissimi attori e che potrete vedere ancora in Veneto nei prossimi giorni. Il prossimo 8 maggio Margherita sarà in scena 8 maggio al Teatro Busan di Mogliano Veneto con : DAL BUIO UN GRIDO ( Aldo Moro come Antigone) con gli attori Francesco Wolf e Giancarlo Previati.

La seconda lettura sarà IRENE BARICHELLO a regalarcela. Una cara amica della radio e di Spazio Scenico, alla quale abbiamo in più occasioni chiesto il suo aiuto, e di questo la ringraziamo di cuore per la sua costante disponibilità. Docente di lettere di Padova, membro della Presidenza dell’A.N.P.I di Padova, e della redazione di Patria Indipendente (Periodico dell’ A.N.P.I). Presta la sua voce per diverse iniziative culturali del territorio, con serate di poesia, presentazione di libri di giovani autori. Ha portato in scena il bellissimo spettacolo: IL BLUES DELLE ALPI, insieme ad un gruppo di cantautori veneti, tra cui Erica -Boschiero a cui abbiamo dedicato una puntata di Spazio Scenico, con il contributo di Irene, che ci ha letto I testi delle sue canzoni.

La terza ospite è un ‘altra grande attrice, pluripremiata, e che l’anno scorso abbiamo avuto modo di sentire grazie ad un pezzo tratto dal suo reading: THE BEAT OF FREEDOM (tratto da Io sono l’ultimo, lettere di partigiani italiani). Lei è MARTA CUSCUNA’, che sentiremo in diretta telefonica. Autrice di una triologia di spettacoli sulle Resistenze femminili ( E’ BELLO VIVERE LIBERI, LA SEMPLICITA’ INGANNATA, SORRY BOYS) che sta portando in giro in Italia e all ‘estero. Tre lavori straordinari di teatro di narrazione e teatro di figura, che ho avuto il piacere di vedere, e che hanno avuto un’ ottima risposta da parte del pubblico e che ha portato a Marta importanti riconoscimenti, dal Premio Scenario Ustica 2009, e via via fino al premio città impresa e finalista al Premio Ubu come miglior attrice 2016.

VI ASPETTIAMO ALL’ASCOLTO!!!

SABATO 7 APRILE L’ATTRICE SILVIA PIOVAN

Posted: 18th aprile 2018 by g_fardin in Senza categoria

Silvia Piovan fotoSabato 7 aprile avremo il piacere di ospitare in studio l’attrice veneziana SILVIA PIOVAN. Diplomata attrice all’Accademia Nico Pepe di Udine, ha esordito come professionista nel 2005 al Mittelfest con il Teatro Stabile di Udine ne Il sogno di una cosa di Pier Paolo Pasolini diretta da Andrea Collavini. Dopo una parentesi all’estero – ha recitato in una produzione greco cipriota , Lisistrata da Aristofane – ha lavorato sino al 2010 soprattutto in area veneta diretta prima da Stefano Pagin (La distruzione di Kreshev da Singer,

Tante collaborazioni , con lo Stabile della Sardegna dove nel 2010 per la regia di Guido de Monticelli ha recitato in una commedia musicale STORIE A’MARE, tratta da Un lungo viaggio di Sciascia per poi approdare a questa esperienza con Paolo Magelli. «Posso dire che essere stata scelta per questo spettacolo ha voluto dire per me un po’ aprire il cassetto dei sogni – spiega Silvia Piovan , e nel 2013 sempre per la direzione di Guido de Monticelli con I FRATELLI KARAMAZOV di F. Dostoevskij.

Tra i suoi ultimi lavori SIGNORI E SIGNORI con Theama Teatro nel 2013, con Natalino Balasso nel 2015 nella CATTIVISSIMA, EPOPEA DI TONI SARTANA, (produzione stabile del veneto), nel 2014-2016 con il Teatro Stabile dell’umbria in 7 MINUTI di Stefano Massini con Ottavia Piccolo, 2016 -2017 con Emilia Romagna Teatro in “UNIVERSO BOLANO” tratto da “2666” di Roberto BolaŇo ,

Sabato 7 aprile avremo il piacere di ospitare in studio l’attrice veneziana SILVIA PIOVAN. Diplomata attrice all’Accademia Nico Pepe di Udine, ha esordito come professionista nel 2005 al Mittelfest con il Teatro Stabile di Udine ne Il sogno di una cosa di Pier Paolo Pasolini diretta da Andrea Collavini. Dopo una parentesi all’estero – ha recitato in una produzione greco cipriota , Lisistrata da Aristofane – ha lavorato sino al 2010 soprattutto in area veneta diretta prima da Stefano Pagin (La distruzione di Kreshev da Singer,

Tante collaborazioni , con lo Stabile della Sardegna dove nel 2010 per la regia di Guido de Monticelli ha recitato in una commedia musicale STORIE A’MARE, tratta da Un lungo viaggio di Sciascia per poi approdare a questa esperienza con Paolo Magelli. «Posso dire che essere stata scelta per questo spettacolo ha voluto dire per me un po’ aprire il cassetto dei sogni – spiega Silvia Piovan , e nel 2013 sempre per la direzione di Guido de Monticelli con I FRATELLI KARAMAZOV di F. Dostoevskij.

Tra i suoi ultimi lavori SIGNORI E SIGNORI con Theama Teatro nel 2013, con Natalino Balasso nel 2015 nella CATTIVISSIMA, EPOPEA DI TONI SARTANA, (produzione stabile del veneto), nel 2014-2016 con il Teatro Stabile dell’umbria in 7 MINUTI di Stefano Massini con Ottavia Piccolo, 2016 -2017 con Emilia Romagna Teatro in “UNIVERSO BOLANO” tratto da “2666” di Roberto BolaŇo ,

Quest’anno ha lavorato in “ COME BACH suonato su un bicchiere per un istante” che ha debuttato a marzo al Festival “ Poesia in città “ al Centro culturale Candiani di Mestre. Un omaggio teatrale alla poetessa polacca Wislawa Szymborska. Supervisione registica di Stefano Pagin. , e LA VENEXIANA”, commedia del ‘500, regia di Giuseppe Emiliani, produzione Teatro Stabile del Veneto, nel ruolo di donna Valiera. Spettacolo che si è svolto dentro le sale di Palazzo Grimani, e che riprenderà in estiva al Teatro Verdi di Padova tra fine luglio e agosto.

Quest’anno ha lavorato in “ COME BACH suonato su un bicchiere per un istante” che ha debuttato a marzo al Festival “ Poesia in città “ al Centro culturale Candiani di Mestre. Un omaggio teatrale alla poetessa polacca Wislawa Szymborska. Supervisione registica di Stefano Pagin. , e LA VENEXIANA”, commedia del ‘500, regia di Giuseppe Emiliani, produzione Teatro Stabile del Veneto, nel ruolo di donna Valiera. Spettacolo che si è svolto dentro le sale di Palazzo Grimani, e che riprenderà in estiva al Teatro Verdi di Padova tra fine luglio e agosto.

SABATO 24 MARZO MATTIA BERTO

Posted: 18th aprile 2018 by g_fardin in Senza categoria

Mattia 1Ospite della puntata di sabato 24 marzo di Spazio Scenico sarà Mattia Berto.
Attore, regista, illustratore, muove i primi passi, giovanissimo, in teatro.
Si laurea in Tecniche Artistiche e dello Spettacolo a Ca’ Foscari con la tesi Percorsi della creatività nel teatro ragazzi in un territorio particolare: il Nordest, relatore Prof. Carmelo Alberti.
Dal 2001 ha curato la regia di diversi eventi culturali tra cui il noto Ad Alta Voce, ideato e sostenuto da Coop Adriatica, durante il quale ha diretto artisti del calibro di Serra Yilmaz, Maria Pia di Meo, Lucia Poli, Stefano Benni, Francesco Pannofino, Vasco Mirandola. Negli anni di formazione ha partecipato a diversi workshop e laboratori: nel 2007 presso il Master dell’Istituto della Commedia dell’Arte Internazionale sotto la direzione del maestro Gianni De Luigi, ha collaborato con, tra gli altri, Adriano Sinivia, Yutaka Takei, Franco Mescola, Carolin Carlson; nel 2008, durante Mediterraneo. Laboratorio Internazionale del Teatro de La Biennale di Venezia, diretto dal maestro Maurizio Scaparro, ha collaborato inoltre con Orlando Forioso, Massimo Ranieri, Mimmo Cuticchio.
Nel corso degli anni ha partecipato come interprete, animatore e regista a spettacoli e progetti teatrali con numerose compagnie venete e nazionali, tra cui La corte dei miracoli, La Piccionaia i Carrara di Vicenza, gli Alcuni di Treviso. E’ stato inoltre diretto da numerosi registi, coreografi e artisti della scena, tra i quali Gabris Ferrari e Maurizio Scaparro.
Attualmente è Direttore Artistico della programmazione del Teatro di Villa Groggia a Venezia e della stagione teatrale per ragazzi del Teatro Dario Fo di Camponogara. Negli ultimi anni la sua attività è strettamente legata al territorio provinciale su cui ha scelto di investire come artista e come operatore culturale, ma soprattutto come cittadino che desidera curare e contribuire all’arricchimento della produzione artistica e culturale dei luoghi che vive. Il teatrino di Villa Groggia, in particolare, si è rivelato un prezioso esempio di rigenerazione territoriale che accompagna la tutela delle realtà locali allo sviluppo e al radicamento di progetti teatrali di respiro nazionale e internazionale. Nel 2013 collabora alla V edizione del Festival dei matti, premio festival delle eccellenze nel sociale, sostenuto dal Ministero della Cultura, Ministero dell’Istruzione e Ricerca e Ministero della Salute. La collaborazione con il festival continua a tutt’oggi.
Nel 2016, insieme alla fotografa Giorgia Chinellato, concepisce Teatro in Bottega, sequenza di azioni teatrali site specific che prendono vita nei negozi dei centri storici delle città d’arte, trasformandoli in nuovi palcoscenici della contemporaneità. Nel 2017 Teatro in bottega è diventato inoltre un docu-film nell’ambito del progetto Noi siamo cultura, prodotto dall’emittente televisiva La F, con la regia di Giuseppe Carrieri. Tra i suoi laboratori teatrali, tenuti negli anni attraverso ripetute e continuative collaborazioni con Comune di Venezia, Università Ca’ Foscari, Fondazione Musei Civici di Venezia, Teatro Stabile del Veneto, Arteven Circuito Teatrale Regionale, e recentemente Casa Circondariale di Santa Maria Maggiore di Venezia, spiccano, tra gli altri, My city, Goldoni Metropolitano, Balera Groggia, Micronde 0A_una fabbrica per supereroi e il recente Tempesta_la resa dei conti. Nel 2014 ha diretto Waiting Room, operetta lirica che è stata replicata a Liegi (Belgio) e a Granada (Spagna); nel 2015 The lovers, con Sara Lazzaro, David Remondini e Sandro Pivoti; nel 2016 Canto VI, un pranzo maniacale sensuale, con Francesca Sarah Toich e Lele Piovene Porto Godi; nel 2017 Me anzoletto, scritto da Marco Gnaccolini con Pierdomenico Simone, e nello stesso anno dirige anche Afterplay, di Brian Friel, tradotto in italiano da Monica Capuani e Massimiliano Farau, con Sara Lazzaro e Alex Cendron.

SABATO 10 MARZO OSPITE BEATRICE NIERO

Posted: 10th marzo 2018 by g_fardin in Senza categoria

Beatrice Niero mezzobusto1 (Small)Sabato 10 marzo avremo il piacere di ospitare l’attrice vicentina BEATRICE NIERO. Si diploma nel 2008 alla scuola del Piccolo Teatro di Milano diretta da Luca Ronconi.
Lavora e studia con diversi registi tra cui Luca Ronconi, Guido de Monticelli, Gianfranco de Bosio, Massimo De Francovich, Enrico Bonavera.

Nell’ambito del teatro danza Beatrice Niero si forma con Michele Abbondanza. Approfondisce gli studi teatrali attraverso workshop con diversi artisti tra cui Carlos Alsina, Yoshi Oida, Cristina Pezzoli.

Con l’Accademia veneta dello spettacolo Beatrice Niero ha occasione di lavorare anche sul teatro dialettale, studiando Ruzzante con Marcello Bartoli e Giuseppe Emiliani.
Nel 2008 vince il 1° Premio come migliore attrice professionista al concorso regionale veneto “Sull’onda di Eleonora Duse”.

Collabora con “La Piccionaia-I Carrara” di Vicenza.
Parallelamente porta avanti anche il lavoro di formazione teatrale. Attiva anche nel sociale fa parte di una compagnia di teatro inter culturale che affronta tematiche di conflitto attraverso la tecnica del “Teatro dell’Oppresso”.

Tra i suoi lavori piu’ recenti segnaliamo : GARGANTUA CUOCO PASTICCIONE di cui è autrice e attrice (2015 produzione Teatro Bresci), CHE PAURA MI FA (2015 con Laura Cavinato e Federica Santinello), THE HO STRESS( 2016 spettacolo comico musicale, regia di Rita Pelusio, produzione Pem Teatro), MACBETH STUDY FOR WOMEN(2016, drammaturgia Vitaliano Trevisan, regia Patricia Zanco, produzione fatebenesorelle Teatro e Piccionaia), e che sarà in scena prossimamente il 10 marzo al Teatro Villa Dei Leoni a Mira (VE), il 15 marzo al Teatro Camploy di Verona e il 16 marzo al Teatro Giardino a San Giorgio delle Pertiche.

Altri 2 importanti lavori : TONI SARTANA E LE STREGHE DI BAGDAD (2017 regia di Natalino Balasso, produzione Stabile del Veneto), SOGNO DI UNA NOTTE DI MEZZA ESTATE (2018 adattamento e regia di Andrea Pennacchi, produzione Dedalo Furioso e Matàz Teatro)

VI ASPETTIAMO ALL’ASCOLTO E SOSTENETE RADIO COOPERATIVA. GRAZIE!

SABATO 24 FEBBRAIO OSPITE ANNA ZAGO

Posted: 10th marzo 2018 by g_fardin in Senza categoria

FOTO ANNA ZAGO (9)Sabato 24 febbraio avremo il piacere di avere in studio con noi l’attrice e regista vicentina Anna Zago ( Theama Teatro).

Dopo gli esordi nell’ambito del teatro classico fonda la compagnia Theama Teatro nel 2001 e si specializza in varie forme di espressione teatrale, con particolare attenzione al campo dell’educazione, dell’animazione e della formazione teatrale per bambini e ragazzi all’interno delle istituzioni scolastiche pubbliche e private.

Nei primi anni di attività come attrice partecipa a numerosi concorsi teatrali ed ottiene numerosi riconoscimenti: 1Miglior attrice caratterista al Festival di Vercelli (1999); Miglior attrice giovane al Festival “Sipario d’Oro” di Rovereto (TN) (2000); Miglior attrice giovane al Festival “Maschera d’oro” di Vicenza (2001); miglior attrice protagonista al Festival “Castello di Gorizia” (2001), miglior attrice protagonista al Festival “d’Arte drammatica” di Pesaro (2001), miglior attrice protagonista a “Schiofestivaldagno” di Schio (VI) (2001), miglior attrice protagonista al Festival di Viterbo (2001), miglior attrice protagonista al Festival “Maschera d’oro” di Vicenza (2002); Miglior attrice non protagonista al Festival “Castello di Gorizia” (2002); 1Miglior attrice non protagonista al Festival “Maschera d’oro” di Vicenza (2003);1miglior attrice al Festival “d’arte drammatica” di Pesaro (2002); premio per i migliori costumi al Festival “Sipario d’oro” di Rovereto (TN) (2002).

Oltre al lavoro di attrice, Anna Zago vanta esperienza nel campo dell’educazione, dell’animazione e della formazione teatrale per bambini e ragazzi all’interno delle istituzioni scolastiche pubbliche e private.  Tiene corsi in diverse scuole del vicentino e del veronese, corsi Accademia veneta dello spettacolo nell’ambito della scuola di Teatro dell’auditorium Fonato di Thiene, e nella suola di Teatro dello spazio Bixio di Vicenza

Tra gli ultimi suoi spettacoli ricordiamo due lavori nel 2017 come regista : IL VIAGGIO DI RICCIOLI D’ORO, LA LOCANDA DELLE BEFFE, e come attrice: FIORI DI CACTUS, LA CATASTA, SUI CAMPI DI FIANDRA, L’EX MARITO IN BUSTA PAGA, MAISON CASANOVA

SABATO 10 FEBBRAIO OSPITE GIUSEPPE EMILIANI

Posted: 10th marzo 2018 by g_fardin in Senza categoria

Sabato 10 febbraio avremo il piacere di ospitare in studio a Radio Cooperativa un ìmportantissimo regista e autore teatrale : GIUSEPPE EMILIANI. Una lunga e importante carriera iniziata nel 1979, quando fonda e dirige la compagnia Teatromodo di Venezia. Da quel momento tanti lavori e collaborazioni con il Teatro Stabile del Veneto, Teatro Carcano di Milano, Teatro Argot di Roma, Teatro Verdura di Milano, Teatro Fondamenta nuove di Venezia, Teatro Malyi di Mosca, Festival Internazionale di Shizuoca in Giappone, Biennale Musica e Biennale Teatro di Venezia, Teatro Busan di Mogliano Veneto, Teatro Baltijskij di Mosca, Teatro Olimpico di Venezia, Teatro Stabile la Contrada di Trieste , e un’ importante riconoscimento nel 2004, che lo vede vincitore del Premio PEGASO D’ORO, per la regia teatrale del Premio Internazionale di Flayano.
Tra i suoi ultimi lavori , l’adattamento drammaturgico e la regia di GOLDONI EXSPERIENCE Ritratto di Venezia- con il TEATRO STABILE DEL VENETO (2014), e sempre nel 2014 cura l’adattamento drammaturgico e la regia di TRESINER da romanzo omonimo di Massimiliano Forza, prodotto dal TEATRO STABILE LA CONTRADA di Trieste, con Ariella Reggio e Virgilio Zernitz .
Da gennaio 2015 è Direttore Artistico del Teatro Busan di Mogliano Veneto.
Autore e regista di WOMEN IN LOVE, OVVERO LE DONNE DI SHAKESPEARE, prodotto da TEATRO STABILE DEL VENETO per il Carnevale di Venezia 2015 e 2016 in collaborazione con Ve.La e la Fondazione Musei Civici Veneziani. (pubblicato da Davide Ghaleb Editore) , e per l’Estate Teatrale Veronese 2015 cura la regia de I RUSTEGHI di Carlo Goldoni, prodotto dal TEATRO STABILE DEL VENETO Teatro Nazionale, con Stefania Felicioli, Giancarlo Previati, Piergiorgio Fasolo.
Nel 2016 Regia e adattamento drammaturgico dell’ECCLESIASTE, con Virginio Gazzolo (2016)
Cura la regia dell’opera lirica L’ITALIANA IN ALGERI di Gioachino Rossini, coproduzione tra Fondazione TEATRO COMUNALE di FERRARA e TEATRI E UMANESIMO LATINO SpA di Treviso (2016), e sempre nel 2016 lavora alla Regia di Luci della ribalta di Charlie Chaplin, prodotto da TEATRO QUIRINO GITIESSE Artisti Riuniti e LA CONTRADA Teatro Stabile di Trieste, con Antonio Salines e Marianella Bargilli
Nel 2017 Adattamento e regia de LA PUTTA ONORATA di Carlo Goldoni, con gli allievi dell’ Accademia Palcoscenico del TEATRO STABILE DEL VENETO .
Autore e regista di BISBETICA PER GIOCO, liberamente ispirato a La bisbetica domata di W. Shakespeare, prodotto dal TEATRO STABILE DE VENETO (2017)e Pubblica Mi CHIAMO SAD, E DI NOTTE SOGNO IL MIO COGNOME (Davide Ghaleb Editore) .
Dal 2017 è docente di tecniche di interpretazione presso l’ ACCADEMIA PALCOSCENICO del Teatro Stabile del Veneto.
Attualmente fino al 18 febbraio al palazzo Grimani di Venezia va in scena LA VENEXIANA di anonimo veneto del 500, prodotto dal TEATRO STABILE DEL VENETO (2018), di cui cura l’addamento e la regia.

Santinello- Cavinato fotoSabato 27 gennaio giornata della memoria, per ricordare l’orrore dei campi di sterminio, e noi di Spazio Scenico lo faremo grazie a due bravissime attrici e autrici padovane che tornano a trovarci, e che attraverso i loro lavori hanno affrontato questo tema, cosi come altri temi sociali forti come il lavoro, la violenza di genere etc. Stiamo parlando di LAURA CAVINATO E FEDERICA SANTINELLO ( Terracrea Teatro), che ringrazio di cuore pure per i due bellissimi spettacoli che ci hanno donato e che vi abbiamo fatto sentire a Radio Cooperativa e che sono: IL DIARIO DI EVA , e PRIMA DI OGNI ALTRO AMORE.

L’Associazione Terracrea nasce nel 2011 dall’incontro di un gruppo di attori e registi professionisti, che pur provenendo da percorsi differenti, condividono l’interesse per un modo originale di fare teatro. Tra impegno e intrattenimento la ricerca della compagnia spazia dai testi classici della tradizione ai contemporanei, sempre guidati dalla convinzione che il teatro sia di tutti e per tutti e che rappresenti uno straordinario strumento di incontro, di conoscenza, e di crescita.

Tra gli ultimi lavori della compagnia ricordiamo: COSE SELVAGGE. VIAGGI SCOMBINATI PER BAMBINI SCAPIGLIATI (due personaggi, sospesi a metà tra il bambino e il clown partono per un viaggio che dalla loro camera li porterà in un paese straordinario, e attraverso la scoperta del misterioso, del diverso, dell’inatteso ) GRANDE COME LA TERRA (voce e musica, racconti e canzoni si fondono, si parlano, si rincorrono, si sommano e sovrappongono per parlare di violenza, ma non solo: raccontano della donna, nella sua complessità e ricchezza,.) COME QUESTA PIETRA E’ IL MIO CANTO ( il primo conflitto mondiale, raccontato attraverso lo sguardo di di madri, mogli, sorelle.). ALLORA SOGNAVO ALTRI MONDI (la Storia attraverso le storie dei piccoli ebrei svaniti nei campi, ma anche di coloro che si salvarono grazie all’aiuto e alla protezione di uomini e donne disposti a rischiare la propria vita per la loro; e ancora quelle dei bambini cresciuti nella retorica dei totalitarismi, educati all’estremo sacrificio in nome di folli ideologie e di quelli che seguirono i loro cari nell’esilio e nella fuga, senza comprendere) .

La compagnia Terracrea Teatro si occupa oltretutto di laboratori, corsi per ragazzi, di reading, presentazioni di libri, eventi e serate a tema.

VI ASPETTIAMO ALL’ASCOLTO!!